Sgominato traffico di chihuahua in Svizzera dall’Ungheria

Le guardie di confine hanno messo fine ad un vasto traffico illegale di cani dall’Ungheria: più di 230 cuccioli, per la maggior parte chihuahua, sono stati contrabbandati senza le vaccinazioni e senza i documenti veterinari necessari.
Un’allevatrice ungherese ha portato in Svizzera, utilizzando valichi doganali incustoditi della regione della Valle del Reno sangallese, più di 130 cuccioli, indica oggi in una nota la Direzione di circondario delle dogane di Sciaffusa. La donna ha rivenduto i cani in tutta la Svizzera tedesca e ha realizzato un fatturato di oltre 100’000 franchi. Alle indagini hanno preso parte anche le polizie di Zurigo e Winterthur (ZH), che hanno identificato una cittadina svizzera che fungeva da intermediaria e rivendeva i cuccioli, senza la necessaria licenza, in tutta la Confederazione. Diversi cuccioli di chihuahua sono inoltre stati presi in consegna da privati cittadini nelle zone di confine e portati illegalmente in Svizzera. Le persone responsabili del contrabbando si rendono responsabili di infrazione alle norme di legge sulle dogane, sull’IVA e sulle epizoozie e vanno incontro a importanti sanzioni finanziarie, ricorda il circondario doganale nella nota. Il commercio illegale in Svizzera viene inoltre perseguito con procedure separate da parte dei cantoni interessati.

Fonte: cdt.ch

Dal 2007 il primo sito italiano dedicato al chihuahua.

Email: info@chihuahuafriends.it

Newsletter

Pagamenti accettati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: